La Regione difende la birra: "Troppe tasse uccidono il settore"

La Regione Lombardia ha approvato ieri una mozione per chiedere che la birra sia a tutti gli effetti riconosciuta come un prodotto agricolo. Troppe tasse in questo momento, rischiano di uccidere un settore importante. In Lombardia in maggior numero di aziende produttrici in Italia.

Troppe tasse sulle birre rischiano di uccidere un settore nascente dell’economia come i micro birrifici, con gravi ricadute occupazionali. La preoccupazione arriva dal Consiglio regionale che oggi ha approvato a larghissima maggioranza una mozione, presentata dalla Lega Nord (primo firmatario il Vice Presidente del Consiglio Fabrizio Cecchetti),  con la quale si chiede che la birra sia riconosciuta come prodotto agricolo e, dunque, che la filiera possa essere sostenuta e aiutata anche con le politiche comunitarie.

La Lombardia è la prima regione in Italia per numero di aziende brassicole: 124 realtà tra micro birrifici e brew pub, oltre a 2 stabilimenti industriali, con circa 4,7 milioni di consumatori lombardi.

“Il settore - sottolinea il Vicepresidente Cecchetti, citando alcuni dati di Assobirra e Unionbirrai - sarebbe in grado di generare centinaia di posti di lavoro ma l’aumento delle accise sul prodotto rende impossibile qualsiasi progetto di sviluppo e, dunque, taglia ulteriori possibilità di occupazione. Tra ottobre 2103 e gennaio 2015 c’è stato un incremento delle accise pari al 30%: praticamente su una birra di 66 cl si pagano 46 centesimi di tasse contro i 21,3 che pagano gli spagnoli e i 19,5 dei tedeschi. Sviluppare un settore, che tra l’altro fa bene alla nostra agricoltura perché i birrifici artigianali operano sulla base del principio del km zero, in queste condizioni è impossibile”.

Nel dibattito sono intervenuti, esprimendo parere favorevole, anche i consiglieri Marco Tizzoni (Lista Maroni) e Fabio Pizzul (PD). L’assessore al Commercio Mauro Parolini ha definito le richieste contenute nel testo “ragionevoli e opportune”.