Zingonia: l'omicida con il machete ha solo 15 anni

VERDELLINO - Fermato dai Carabinieri dopo l'attività d'indagine, un quindicenne marocchino, interrogato dalla Procura dei minori di Brescia avrebbe confessato di essere l'omicida della scorsa settimana e di avere reagito alle minacce del suo connazionale a sua volta armato di coltello.

Ha solo quindici anni l'omicida di Zingonia: quello che armato di machete aveva dato il colpo di grazia settimana scorsa al marocchino di 30 anni che aveva tentato inutilmente la fuga. Lo hanno arrestato i Carabinieri di Treviglio al termine di indagini svolte in collaborazione con quelli di Bergamo. Il giovane ha confessato.

Anche lui di nazionalità marocchina, era tra gli extracomunitari che avevano inseguito due fratelli coinvolti nell'attività di spaccio della droga. Quello di 30 anni era stato ucciso a colpi di machete, mentre quello di 27, colpito da un proiettile alla gamba, era riuscito a trascinarsi fino alla caserma dei Carabinieri per chiedere aiuto.

Il giovane, interrogato dalla Procura dei minori di Brescia ha confessato l'omicidio raccontando che anche il trentenne era armato di coltello e di aver semplicemente reagito di fronte alle sue minacce.