Variante di Zogno: la Regione mette sul tavolo i 15,5 milioni necessari

ZOGNO - Il cantiere per la realizzazione della variante potrà presto essere riaperto: gli assessori regionali Sorte e Garavaglia (il primo con delega alle Infrastrutture, il secondo al Bilancio) hanno annunciato che il Pirellone intende sborsare i soldi necessari per il completamento dell'opera.

"La Regione finanzierà tutti gli extra costi necessari a concludere la variante di Zogno". Lo hanno annunciato gli assessori regionali Massimo Garavaglia (Economia, Crescita e Semplificazione) e Alessandro Sorte (Infrastrutture e Mobilità) durante la conferenza stampa di ieri dopo Giunta.
 
"Stiamo valutando l'opportunità di farla noi - ha spiegato Sorte - con Infrastrutture lombarde. Entro 15, al massimo 30 giorni, approveremo in Giunta la delibera che sblocca i fondi".
 
"Il presidente Maroni - ha detto invece Garavaglia - ci aveva dato l'input di risolvere la questione. Abbiamo trovato i soldi e quindi potrà essere lo stesso governatore a siglare l'accordo con il sindaco di Zogno".

Sul tavolo, insomma, i 15,5 milioni necessari per il completamento del cantiere, fermo a causa della mancanza di fondi ormai dalla primavera.