Un anno e sei mesi di carcere per uno dei due siriani di Orio al Serio

BERGAMO - Alali Faowaz, il siriano di 30 anni fermato il 17 novembre all'aeroporto di Orio al Serio dopo avere esibito un falso passaporto norvegese per imbarcarsi per Malta, è stato condannato. Il giudice, senza entrare nel merito della questione terrorismo, ha deciso di fargli trascorrere in carcere un anno e sei mesi.

Aveva paventato anche la possibilità di richiedere la protezione politica internazionale: Alali Faowaz, uno dei due siriani fermati il 17 novembre con passaporto falso all'aeroporto di Orio al Serio, per il momento invece di un aiuto ha trovato la condanna: è quella di un anno e sei mesi pronunciata ieri dal giudice nei suoi confronti.

Il siriano, 30 anni, pronto a imbarcarsi per Malta, a novembre ai controlli aveva mostrato un falso passaporto norvegese. Con lui era stato fermato un altro connazionale di 21 anni che, invece, era in possesso di un falso passaporto austriaco.

Ad aggravare la situazione di Faowaz le foto di terroristi trovate nel suo cellulare. Uno di questi era suo fratello mentre lui sosteneva di essere un agente in fuga da Raqqa dove sarebbe stato frustato.

Il giudice, senza entrare nel merito della questione terrorismo, l'ha condannato per via del passaporto fasullo. Ma ha avuto la mano pesante: un anno e sei mesi. Li trascorrerà in carcere.