Ufficialmente nullatenente, aveva beni per 4 milioni di euro: sequestrati 13 immobili e 4 auto a un imprenditore

BERGAMO - Utilizzando nell'arco di sette anni fatture false, sarebbe riuscito a evadere il fisco creandosi un tesoretto da 4 milioni di euro depositato su conti correnti dei parenti. La Guardia di Finanza, ieri, ha sequestrato 13 immobili, 4 auto e conti correnti a un imprenditore.

Per il fisco è un nullatenente. La realtà, però, era ben diversa: ieri gli uomini della Guardia di Finanza di Treviglio hanno sequestrato 13 immobili, 4 automobili e 10 conti correnti a un imprenditore della bassa bergamasca.

Secondo gli inquirenti l'uomo, per abbattere il suo livello di reddito, avrebbe utilizzato fatture false per un valore di circa 14 milioni di euro in sette anni. Questo gli avrebbe permesso di evitare di pagare le imposte su redditi e Iva, facendolo addirittura risultare a credi nei confronti dell'erario.

In questo modo, invece di pagare le tasse, sarebbe riuscito a crearsi ingenti provviste di denaro fatte poi confluire sui conti correnti dei parenti.

Durante il blitz le Fiamme Gialle gli hanno sequestrato 13 immobili tra Saint Tropez, Liguria ed Emilia Romagna, automobili, conti correnti. I suoi parenti, invece, sono stati denunciati per riciclaggio.