Terzo caso in città: vittime bloccate in ascensore, casa svaligiata

TREVIGLIO - Furti in abitazione dopo aver bloccato l'inquilino nell'ascensore. E' la nuova tecnica utilizzata in città. Tre casi nell'ultima settimana. Ingegnosa, semplice e permette ai malviventi di andare in giro liberamente senza utilizzare arnesi da scasso

Nella sua semplicità la tecnica è davvero efficace: le vittime rinchiuse nell'ascensore, poi via libera per aprire la porta della loro abitazione e portare via soldi e gioielli. E' la nuova modalità utilizzata in tre casi, negli ultimi giorni, da malviventi in azione a Treviglio.

I ladri prima  citofonano nel condominio, dicendo alla persona anziana che hanno un pacco da consegnare. Accorgimento, che il più delle volte, serve per far sì che la porta d'ingresso sia chiusa ma non a chiave. Poi quando la persona riprende l'ascensore per salire, bloccano il motore facendo scattare il salvavita nel locale dei contatori.

A quel punto non hanno nemmeno bisogno di utilizzare arnesi da scasso: basta abbassare la maniglia della porta per entrare e impossessarsi di soldi e oggetti di valore.

Per quanto possa sembrare strano, il piano ha già funzionato questa settimana in tre occasioni diverse, con colpi messi a segno in via Oriano, via Mulino e via De Gasperi. La raccomandazione è quella di chiudere sempre a chiave la porta d'ingresso, anche quando ci si assenta solo per qualche istante.