Terremoto: dalla Lombardia partite 161 unità di soccorso e 40 sacche di sangue

Appresa la notizia del terremoto, la macchina organizzativa di Regione Lombardia si è messa in moto. Coordinandosi con chi era già sul posto, subito sono state inviate le squadre specializzate nella ricerca di persone. Ieri, in serata, si è attivata anche la parte sanitaria

"Dalla Lombardia sono giunte nei territori terremotati già 161 unità di soccorso: 45 cinofili, 106 vigili del fuoco e 10 sanitari". Questi i numeri forniti ieri da Simona Bordonali, assessore alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione della Regione Lombardia in merito alla macchina dei soccorsi lombarda impegnata sui territori terremotati del centro Italia.
 
"In mattinata sono partiti con elicottero sanitario di Areu (Azienda regionale emergenza urgenza) due unità cinofile e un tecnico di soccorso alpino, già in azione in loco dal primo pomeriggio ad Amatrice. Sono partite nel primo pomeriggio tre unità cinofile dell'Associazione Nazionale dei Carabinieri e, su richiesta del Dipartimento di Protezione civile, anche una trentina di unità cinofile appartenenti a diverse associazioni bresciane. Un'altra decina partirà questa sera" ha aggiunto Bordonali.
 
"Come spiegato dall'assessore al Welfare Gallera - prosegue -, Areu e il sistema sanitario lombardo hanno già messo a disposizione le prime 40 unità di sangue e confermano i 66 posti letto di rianimazione e chirurgia presso gli ospedali lombardi, e la disponibilità di 20 sale operatorie". È prevista la partenza alle 20 con elisoccorso della prima squadra (due medici e due infermieri) USAR (Urban Searche and Rescue, unità di soccorso e ricerca in ambiente urbano) a supporto delle analoghe USAR dei Vigili del fuoco di Milano (in totale 106 vigili del fuoco da 8 comandi) e la seconda è in partenza domattina.
 
"Confermo inoltre che Regione Lombardia ha messo a disposizione in caso di necessità due moduli completi e autosufficienti da 250 posti ciascuno per assistenza alla popolazione ed è in attesa della loro eventuale attivazione da parte del Dipartimento. Mettiamo a disposizione anche il personale tecnico e amministrativo a supporto delle amministrazioni comunali coinvolte dal sisma".