Serio inquinato da metalli pesanti, timori per la ciclabile e per la realizzazione delle vasche

ALBINO - Concentrazioni di metalli pesanti nel Serio. E' l'allarme che arriva dai tecnici del Consorzio di bonifica della media pianura che ha fatto la scoperta eseguendo carotaggi. Le concentrazioni sono nella norma per aree industriali, non per quelle residenziali. Sarà necessaria la bonifica.

Mercurio, piombo, arsenico, zinco, cadmio. Ingredienti poco indicati per la salute dei cittadini: ma sono metalli pesanti che i tecnici del Consorzio di bonifica della media pianura, eseguendo i lavori di carotaggio per realizzare le vasche di compensazione, hanno trovato il riva al Serio.

Pensavano di trovare solo roccia, hanno trovato inquinamento. Una situazione che, di colpo, fa temere non solo per la realizzazione dei lavori da 46 milioni, che dovrebbero permettere di immagazzinare acqua del fiume nei periodi di piena per regolare il flusso nei momenti di secca, ma soprattutto per la salute dei cittadini.

L'allarme, in particolare, è arrivato ad Albino: perché lungo il Serio c'è una pista ciclopedonale molto frequentata. Nel verde, ma a quanto pare in una zona inquinata. E poco distante anche da un galoppatoio. Si tratta di una concentrazione di milligrammi, che rispetta gli standard delle aree industriali ma non quella delle aree residenziali. E che, sebbene non consenta di parlare di area contaminata, fa tenere comunque alta la guardia e verificare cosa si può fare per abbattere quelle concentrazioni.

Comune, Arpa, Asl, Consorzio di bonifica, sono al lavoro. Serve prima di tutto un piano di caratterizzazione, poi capire come agire per la bonifica. La convinzione, da queste parti, è che alla fine non ci saranno problemi sanitari per i cittadini, ma solo un aumento di costi per le opere da eseguire.