Sciopero Trenord: i treni garantiti restano un miraggio. La protesta sul web

BERGAMO - La fascia oraria dei pendolari si diceva che sarebbe stata salvaguardata. Lo sciopero di Trenord, in programma dalle 21 di ieri alle 18 di oggi, non ha rispettato le corse garantite tra le 6 e le 9, facendo infuriare numerosi viaggiatori in attesa sulle banchine.

Disagi e beffa per i pendolari: nonostante lo sciopero fosse stato annunciato da tempo, oggi le corse nella fascia protetta sono saltate suscitando l'ira di numerosi viaggiatori.

Indetto dalle organizzazioni sindacali Cat, Cub e Usb Lavoro Privato, lo sciopero era stato annunciato per la fascia compresa tra le 21 di giovedì e le 18 di venerdì, con la salvaguardia dell'orario dei pendolari, ovvero tra le 6 e le 9 del mattino.

Purtroppo così non è stato. Diverse le corse garantite che sono saltate, treni in viaggio con ritardi di oltre un'ora. Una situazione che ha fatto infuriare migliaia di persone presenti sulle banchine. Tanti i viaggiatori che attraverso i social network si sfogano contro Trenord o che invocano provvedimenti contro i responsabili del disservizio.