Prostituta violentata e rapinata: in carcere un quarantenne

BERGAMO - I Carabinieri della stazione di Zingonia hanno notificato e dato esecuzione all'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di un marocchino quarantenne, irregolare, con precedenti penali. Pare sia stato lui a violentare e rapinare a fine ottobre una prostituta a Osio Sotto

Marocchino quarantenne, irregolare in Italia, con precedenti penali: ieri i Carabinieri della stazione di Zingonia sono andati a "prelevarlo" dalla sua abitazione per portarlo in carcere, dando esecuzione all'ordinanza di custodia cautelare firmata dal Giudice per le indagini preliminari di Bergamo.

E' lui, secondo l'accusa, l'uomo che a fine ottobre, sotto la minaccia di un coltello, ha costretto una prostituta romena al rapporto sessuale. Andandosene poi con l'incasso che la ragazza venticinquenne era riuscita ad accumulare fino a quel momento lungo la statale 525 a Osio Sotto.

La ragazza, sconvolta e sotto choc, aveva richiesto l'intervento dei Carabinieri della Compagnia di Treviglio che, al termine del lavoro di indagine, hanno ricostruito quanto è accaduto quella notte arrivando a definire l'identità dell'uomo.

Per lui, oltre al brutto episodio che gli viene attribuito, ci sarà anche un'accusa in più da cui difendersi. Pare proprio che per commettere la sua impresa abbia caricato la ragazza romena a bordo di un'auto risultata rubata qualche giorno prima nella bergamasca.