Non va a buon fine la ricarica del cellulare, cliente distrugge i computer del negozio

TREVIGLIO - Quando si è sentito dire dal negoziante che non si riusciva a fare la ricarica del cellulare, ha reagito con violenza scagliando a terra il monitor del computer per mandarlo in frantumi. L'egiziano, 35 anni, è stato portato via e denunciato dalla Polizia di Stato

Un gesto di disappunto ci sta. Il cellulare, che sia vecchio o di ultima generazione, ormai è diventato importante nella nostra quotidianità. Un egiziano di 35 anni, però, ha davvero esagerato nella sua reazione: quando gli hanno detto che non riuscivano a ricaricarlo, si è imbufalito e ha distrutto i computer del negozio di Treviglio. E' intervenuta la Polizia di Stato per calmarlo e denunciarlo.

L'extracomunitario si era recato nel negozio di telefonia situato all'interno dell'Ipercoop di via Montegrappa. Non aveva più credito per fare telefonate e aveva la necessità di effettuare la ricarica. "Mi spiace - gli ha detto il negoziante con tono gentile - non riesco. Il sistema non mi dà la possibilità di fare l'operazione".

L'egiziano non ha esitato un solo istante. Si è impossessato del monitor utilizzato dall'addetto del negozio e lo ha sbattuto a terra con violenza. Mentre tutti le persone presenti nel negozio lo guardavano allibite e spaventate, lui ha sbattuto a terra anche il display del registratore di cassa.

E' stato fermato in questa sua follia dagli agenti della Polizia di Stato che lo hanno portato in Commissariato. Ha raccontato loro che ormai era da giorni che non riusciva a ricaricare il cellulare e che quell'ennesimo diniego gli ha fatto perdere la pazienza.

Nei suoi confronti è scattata una denuncia a piede libero per danneggiamento. E' stato inoltre segnalato alla Questura per il suo permesso di soggiorno in scadenza.