Maxi sequestro a Madone: 180 chili di hashish

MADONE - Precedenti per droga non ne aveva mai avuti: quando i Carabinieri sono riusci a entrare nell'abitazione di un marocchino di 44 anni, hanno però scoperto che custodiva 180 chili di hashish

Sei borsoni contenenti ciascuno trenta chili di hashish: è l'esito dell'operazione compiuta lunedì sera a Madone dai Carabinieri della stazione di Brembate. In manette è finito un marocchino di 44 anni.

L'uomo si è messo nei guai da solo. Quando i militari l'hanno fermato per un controllo di routine, lui ha iniziato a manifestare un evidente nervosismo che ha spinto gli uomini dell'Arma ad approfondire gli accertamenti. Dalla perquisizione è emerso che aveva in tasca circa mezzo chilo di hashish.

Portato in caserma, si è scoperto che aveva un piccolo precedente, ma non legato alla droga. Trovato nelle sue tasche un mazzo di chiavi, i Carabinieri sono riusciti a risalire all'appartamento. Quando sono entrati, la sorpresona. Non qualche busta con altra droga, bensì quasi due quintali di sostanza stupefacente. Gli avrebbe fruttato quasi 2 milioni di euro.

L'extracomunitario, ufficialmente residente in provincia di Campobasso ma domiciliato a Madone, è stato portato in carcere e messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.