Magnete sul contatore per risparmiare sulla corrente: barista denunciata

POGNANO - Una barista del paese è stata denunciata a piede libero dai Carabinieri della Compagnia di Treviglio per furto aggravato. I militari, nel corso di un sopralluogo con i tecnici dell'Enel, hanno trovato una calamita sul contatore, in grado di alterare i consumi

Un potente magnete posato sul contatore era in grado di alterare in modo significativi i consumi dell'energia elettrica: una barista di Pognano, nella Bassa, è stata denunciata ieri mattina dai Carabinieri della Compagnia di Treviglio, usciti per un sopralluogo insieme al personale dell'Enel. Dovrà rispondere di furto aggravato.

Il blitz è scattato quando proprio alla centrale dell'Enel hanno continuato a rilevare un consumo anomalo. Troppo bassi per essere un'attività, c'era qualcosa che non quadrava.

Accompagnati dai militari, i tecnici hanno così scoperto che tutto dipendeva dalla calamita posata sul contatore, in grado di alterare i consumi. Anche in modo piuttosto significativo. Pare infatti che in questo modo il consumo sia stato abbattuto di oltre il 50 per cento rispetto a quello reale.

La titolare del bar ha cercato di giustificarsi in ogni modo, ma per lei è scattata la denuncia a piede libero. Ora sarà la magistratura a valutare la sua posizione.

Nel frattempo, però, l'Enel è già pronta a rifare i conti per stabilire a quanto ammonta il danno subito per farsi corrispondere l'importo corretto.