La Polizia locale al market cinese: sequestrate 2 tonnellate di cibo avariato

BERGAMO - Dal controllo di un'auto con prodotti scaduti ed etichette di scadenza contraffatte è partita l'attività di indagine della Polizia locale: fino al blitz nel market di via Quarenghi con il ritrovo di merce scaduta, alterata, vermi nei prodotti. Scattate le denunce.

Sequestrate due tonnellate di cibo avariato e con etichette di scadenza contraffatte, denunciate quattro persone tutte di nazionalità cinese. Una maxi operazione quella conclusa ieri dalla Polizia locale al termine di una lunga attività di indagine.

Tutto iniziato quasi per caso. Con il controllo nel mese di aprile di una vettura parcheggiata in via Quarenghi, carica di pesce scaduto ed etichette false. Da quell'episodio gli uomini della Polizia locale hanno iniziato a capire quale potesse essere la provenienza ma, soprattutto, la destinazione di quella merce. E hanno scoperto che la vettura non si trovava per caso in via Quarenghi: era infatti coinvolto il market cinese situato proprio in quella strada.

Di conseguenza, con il coordinamento della Procura, è stato organizzato il blitz alla presenza dei veterinari dell'Asl. Quando hanno fatto irruzione nell'esercizio commerciale, hanno trovato 70 chili di pesce in pessimo stato di conservazione e 21 chili di molluschi in stato alterato. In più 13 chili di merce con etichette recanti data di scadenza modificata, 17 chili di prodotti con parassiti, 1.650 chili di merce già scaduta, in qualche caso anche da tre anni, e 330 litri di prodotti anch'essi ormai scaduti. E, ancora, prodotti contenenti vermi.

Al termine dell'operazione è scattata la denuncia: con accuse che variano dal commercio di sostanze alimentari nocive, alla frode nell'esercizio dell'attività commerciale.