Iniziati i saldi: i bergamaschi saranno i più "risparmiosi" della Lombardia

BERGAMO - Sono iniziati i saldi invernali. Occasione sempre ghiotta per chi cerca l'affare ma anche per il commerciante. Secondo uno studio della Camera di Commercio, però, i bergamaschi con 104 euro a testa saranno quelli che spenderanno meno in Lombardia

Sono iniziati ieri i saldi invernali e, secondo le previsioni, ne approfitterà il 56 per cento delle famiglie lombarde. Il dato, lo scorso anno, era stato del 48 per cento. Lo rileva un'indagine condotta dalla Camera di Commercio di Monza e Brianza in collaborazione con DigiCamere, sfatando anche un luogo comune: gli acquisti, in tempo di saldi, vedono maggiormente protagonista il sesso maschile. E' infatti pari al 59 per cento la quota degli uomini che attende questo momento favorevole dell'anno anche se, conti alla mano, le donne spenderanno leggermente di più: 120 euro in media ciascuna contro i 117 euro di mariti, fidanzati e amici.

In generale la spesa pro capite sarà dunque di 120 euro, ma con differenze per fasce d'età: nella mediai la fascia tra i 18 e i 35 anni, così come quella tra i 51 e i 65 anni. La fascia adulta (dai 36 ai 50 anni) conta invece di spendere in media 132 euro, mentre gli over 65 non raggiungeranno i 100 euro a testa.

I saldi sono comunque low cost, i lombardi, infatti, mettono in cima alla lista dei prodotti di abbigliamento e calzature che comprano con maggiore frequenza i prodotti a basso prezzo (43%), seguiti dai marchi delle grandi catene (23%). Il brand interessa al 17% dei lombardi mentre il 10% acquista prodotti che richiamano le tendenze e lo stile dei grandi marchi. L’8% acquista il proprio guardaroba da artigiani.

Per quanto riguarda le province, i bergamaschi saranno quelli con il "braccino corto": 104 euro di spesa a testa, seguiti dai brianzoli che sborseranno in media 109 euro ciascuno. A Milano il budget medio è di 149 euro, a Varese di 121 euro.