In giro con il camper per scovare i donatori di midollo osseo

BERGAMO - Un'importante iniziativa dell'Associazione Federica Albergoni, la onlus nata nel 2010 dopo la prematura scomparsa della ragazza stroncata dalla leucemia: un camper per sensibilizzare e cercare i donatori di midollo osseo. In collaborazione con l'ospedale Papa Giovanni XXIII.

I donatori di midollo osseo esistono, però bisogna andare a cercarli. E l'Associazione Federica Albergoni, onlus attiva da quasi cinque anni e intitolata alla diciannovenne di Albino scomparsa a causa di una leucemia fulminante, ha deciso di fare la sua parte: un camper per girare le strade e le piazze.

Con questo mezzo, unico in Italia, non solo i volontari raccontano quella che è tata la loro esperienza, ma possono addirittura fare il prelievo del sangue ai possibili donatori, grazie all'assistenza di medici e di infermieri che saranno presenti a titolo gratuito.

Un lavoro che permetterà di inviare i campioni e i questionari di idoneità al Centro donatori di midollo osseo dell'ospedale Papa Giovanni XXIII e, contemporaneamente, permetterà l'iscrizione degli aspiranti donatori nel registro nazionale.

E l'importanza di questa attività dell'Associazione Federica Albergoni è testimoniata dai numeri: benché per essere donatori basti essere maggiorenni (fino ai 55 anni) e avere un'ottima salute, alla fine risulta che solo una persona su 100 mila è compatibile con la persona in attesa di trapianto. Maggiore è la banca dati, insomma, più alte sono le possibilità di salvare vite umane.

L'ospedale Papa Giovanni XXIII fino a oggi ha contato 133 donazioni potendo contare su 11.800 donatori disponibili.