Ex barriera daziaria di via Sant'Alessandro: lavori di restauro al via

BERGAMO - Un automezzo in manovra aveva fatto il danno compromettendo la stabilità: l'ex barriera daziaria di via Sant'Alessandro, finalmente, nei prossimi giorni potrà tornare a nuova vita

È scattato nei giorni scorsi il cantiere di restauro dell' "Ex Barriera Daziaria di via Sant’Alessandro", ovvero l’obelisco e i pilastri di pietra posti all’ingresso del viadotto di San Giacomo. Un intervento molto atteso, soprattutto quello sull’obelisco, attualmente imbragato con tubi e giunti di ferro e circondato da un ponteggio: tempo fa un automezzo ne aveva compromesso la stabilità urtandolo durante una manovra e si era reso necessario un intervento urgente di messa in sicurezza. Tra qualche settimana tutta la storica ex barriera daziaria potrà tornare quindi all’aspetto originario.

L’intervento, per quello che riguarda i pilastri di pietra, sarà articolato in tre fasi principali che comprendono la pulitura, il consolidamento e la successiva protezione, svolgendo un’attenta analisi dello stato di degrado dei materiali. Per quanto riguarda l’obelisco si prevede anche una fase di smontaggio, di accertamento della reale situazione di ogni elemento con eventuale riparazione e sostituzione degli elementi lesionati e successivo ri-montaggio. Il costo dei lavori sarà di 51 mila euro. 

“Questo intervento, - sottolinea l’assessore ai Lavori pubblici Marco Brembilla – purtroppo rinviato nell’annualità precedente, trova finalmente la sua concretizzazione. Non si tratta solo di smontare, sistemare e rimontare l’obelisco oggi transennato, ma anche di restaurare tutti gli elementi lapidei che costituiscono la ex barriera daziaria, ovvero i tre pilastri che conducono al viadotto di san Giacomo. Si tratta di un intervento molto importante perché via Sant’Alessandro è uno degli ingressi più frequentati dai cittadini e dai visitatori, che a piedi dal centro cittadino si recano in Città Alta o attraverso via Tre Armi raggiungono via Sant’Alessandro. L’intervento si inscrive in un piano più ampio di valorizzazione dei percorsi intorno a Bergamo Alta, un piano che ha visto intensificare l’impegno dell’Amministrazione nei mesi scorsi, con interventi di rifacimento di numerosi muri di cinta sui Colli di Bergamo, ma anche di sistemazione di manto stradale e manutenzione di scalette monumenti.”