Era ricercato da 5 anni, era uno degli immigrati sul barcone

BERGAMO - Il Tribunale nel 2010 aveva emesso un ordine di carcerazione nei suoi confronti per una pena residua di quasi 8 mesi a causa dell'attività di spaccio. Il nordafricano, però, era tornato in patria ed è stato scovato nei giorni scorsi a bordo di un barcone arrivato a Messina.

Per la giustizia italiana era a tutti gli effetti un ricercato dal 2010. Lui, però, non solo aveva fatto ritorno in patria, ma ha cercato di rientrare anche sulla nostra penisola a bordo di un barcone carico di immigrati. Scoperto dalle forze dell'ordine, è stato trasferito in carcere.

E' accaduto nei giorni scorsi quando il nordafricano M.K. di 32 anni è arrivato di nuovo in Italia con il barcone carico di 465 immigrati scortato fino al porto di Messina da una nave militare irlandese.

L'uomo, però, era colpito da un ordine di carcerazione firmato dal Tribunale di Bergamo nel luglio 2010 per una pena residua di quasi 8 mesi per spaccio di sostanze stupefacenti.

Probabilmente pensava di confondersi tra gli immigrati o confidava nel fatto che a cinque anni di distanza nessuno potesse ricordarsi di lui. E' stato invece scovato dalle forze dell'ordine e condotto nel carcere messinese di Gazzi.