Disperso in Val Gandino, ritrovato nella notte dal Soccorso alpino

GANDINO - Un uomo di 52 anni residente a Cene si è perso venerdì nel corso di un'escursione. L'allarme è stato dato dai familiari: gli uomini del Soccorso alpino, insieme ai Vigili del fuoco, lo hanno ritrovato in piena notte nella zona denominata Fogarolo.

Intervento di ricerca andato a buon fine, nella notte tra venerdì e sabato, per i tecnici della VI Delegazione Orobica del CNSAS (Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico). L'allertamento è giunto al Centro operativo poco prima della mezzanotte di venerdì 25 per il mancato rientro di un uomo di 52 anni residente a Cene.

Sono state subito inviate le squadre territoriali, appartenenti alle Stazioni del Soccorso alpino di Media Valle e di Clusone; impegnati nel complesso una ventina di tecnici: alcuni sono saliti dal versante della Val Gandino, altri dalla zona della Val Borlezza. Si sono mantenuti sempre in contatto radio fra di loro per accerchiare l'area e perlustrare il territorio, seguendo quattro percorsi differenti, corrispondenti ai sentieri che, con il maggior numero di probabilità, l'uomo poteva avere intrapreso.

Sul posto anche i Vigili del fuoco, con mezzi UCL, pronti per un eventuale proseguimento delle operazioni di ricerca anche nella giornata di oggi. Invece, grazie a una minuziosa conoscenza del territorio e alla capacità di muoversi in una zona impervia in totale sicurezza, e dopo avere valutato le indicazioni fornite dai familiari, l'uomo è stato ritrovato dalle squadre del CNSAS alle 2.10 di sabato, illeso, nei pressi della località Baita Savoldelli, nella zona denominata Fogarolo, sul versante clusonese della montagna.

Intorno alle 3 sono giunti nei pressi di Campo D'Avene - Malga Lunga. L'operazione si è conclusa all'alba con il rientro dei tecnici al Centro operativo di Clusone.