Chiusi e legati nell'abitazione, sostengono di essere stati sequestrati da albanesi

BARIANO - Le grida di un tunisino, venerdì pomeriggio, hanno richiamato l'attenzione di una donna che ha chiamato i Carabinieri. L'uomo era rinchiuso in un appartamento con un senegalese ancora legato alla sedia. Sostengono di essere stati sequestrati da albanesi.

Due extracomunitari sostengono di essere stati sequestrati da albanesi e segregati in un appartamento in paese in via Circonvallazione: è una vicenda ancora tutta da chiarire quella accaduta nei giorni scorsi.

Il tunisino, dopo essersi affacciato al balcone, gridando è riuscito ad attirare l'attenzione di una passante alla quale ha chiesto aiuto. La donna ha subito telefonato ai Carabinieri che, arrivati sul posto, hanno trovato chiusi nell'appartamento il tunisino e un senegalese.

I due hanno raccontato di essere stati sequestrati e picchiati da una banda di albanesi a causa di una violenta discussione. E, approfittando dell'assenza di questi, i due africani sono riusciti a chiedere aiuto.

Una vicenda senza dubbio dai contorni ancora poco chiari. Sta indagando la Procura distrettuale antimafia di Brescia che, nel frattempo, ha posto i sigilli all'appartamento. Non si esclude che possa trattarsi di una questione relativa alla spaccio di sostanze stupefacenti sul territorio.