Batte la testa sul cemento e finisce nel fiume: diciottenne salvato dagli amici

FIORANO AL SERIO - Stava giocando con gli amici a tuffarsi nell'acqua in prossimità della chiusa. Un diciottenne, però, è scivolato: ha battuto la testa sul cemento ed è finito in acqua. Soltanto la prontezza degli altri ragazzi ha permesso di consegnarlo ai soccorritori

Ha battuto la testa sul cemento ed è finito nell'acqua. Un diciottenne di Fiorano al Serio deve probabilmente la vita ai suoi amici che, nel tardo pomeriggio di ieri, lo hanno subito ripescato e hanno lanciato l'allarme. Trasportato d'urgenza all'ospedale Papa Giovanni XXIII, è in gravissime condizioni ma dalle prime sommarie informazioni pare che non sia giudicato in pericolo di vita.

Tutto è accaduto poco dopo le 17.30 in via Trieste, dove il ragazzo e i suoi amici avevano trascorso il pomeriggio gettandosi nel canale in prossimità della chiusa. 

Purtroppo, proprio durante uno di questi tuffi, probabilmente a causa dei piedi già bagnati è scivolato sul cemento ed è caduto picchiando con forza la testa prima di finire in acqua. I suoi amici, fortunatamente, hanno reagito con prontezza. Si sono tuffati in acqua per ripescarlo poi hanno chiamato il 118.

In un attimo sono arrivati i volontari della Croce Verde di Colzate, l'automedica, il Saf di Bergamo (il soccorso alpino fluviale dei Vigili del fuoco) e i Carabinieri della Compagnia di Clusone. Il diciottenne è stato trasportato in codice rosso all'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.