Atto vandalico contro la fontana di Antonio Locatelli, l'aviere del Duce

BERGAMO - Ignoti nella notte, in occasione dell'ottantesimo anniversario dell'inizio della guerra di Etiopia, si sono accaniti contro Antonio Locatelli, il grande aviatore bergamasco premiato con tre medaglie d'oro al valore militare: vernice rossa alla fontana e uno striscione sulla ex statale briantea

Nella notte tra sabato e domenica, ottantesimo anniversario della guerra di Etiopia, un atto che non è solo vandalismo nei confronti di un monumento cittadino, ma anche come gesto fanatico contro la memoria di Antonio Locatelli, il grande aviatore bergamasco sepolto al Vittoriale.

Ignoti, infatti, dopo avere affisso sulla ex statale briantea lo striscione "Locatelli assassino  sanguinario", hanno rovonato la fontana in via Vittorio Emanuele.

A causa della vernice che vi è stata gettata, questa ha infatti iniziato a distinguersi per l'acqua coloro rosso sangue che riversava in continuazione a conferma del messaggio dello striscione.

Locatelli, considerato eroe della Grande Guerra, nel 1918 aveva partecipato con Gabriele D'Annunzio al volo su Vienna. Nominato Podestà di Bergamo nel 1933, era stato poi ucciso nel 1936 in Etiopia durante un attacco notturno all'accampamento. E' l'unico decorato con tre medaglie d'oro al valor militare.