Albanese ucciso durante la fuga, per i 3 Carabinieri c'è l'archiviazione

BOLGARE - Nessun processo a carico dei 3 Carabinieri che la notte del 23 novembre 2013 avevano sparato e colpito un albanese. Il giovane stava fuggendo dopo un colpo messo a segno in un bar di Villongo. I Gip, accogliendo la richiesta del Pm, ha disposto l'archiviazione.

Caso chiuso per la morte di Behexhed Bushi, l'albanese di 26 anni che nella notte del 23 novembre era morto dopo essere stato colpito da un proiettile di un Carabinieri durante un tentativo di fuga. Il giudice per le indagini preliminari Ezia Marcora, infatti, ha disposto l'archiviazione delle indagini nonostante l'opposizione dei familiari del giovane.

Il Gip è arrivato a questa decisione accogliendo la richiesta del Pm Giancarlo Mancusi, che si è servito della perizia balistica di un esperto nel tentativo di capire se i tre militari potessero avere qualche responsabilità.

L'albanese nella notte del 23 novembre di due anni fa aveva stava fuggendo, con una pattuglia dei Carabinieri alle calcagna, dopo aver messo a segno il colpo con alcuni complici in un bar di Villongo, dove aveva svuotato le slot machine.

Giunto alla rotatoria di Bolgare si è trovato davanti un posto di blocco: invece di fermarsi, aveva quasi puntato verso i militari. Uno di questi era caduto a terra nel tentativo di evitarlo, tutti e tre avevano sparato. Uno dei proiettili aveva raggiunto l'albanese trapassandogli il corpo.