Ai domiciliari nel cremonese per tentato omicidio: i Carabinieri lo sorprendono a Romano di Lombardia

ROMANO DI LOMBARDIA - I Carabinieri della stazione cittadina ieri pomeriggio hanno arrestato un marocchino di 38 anni. Doveva trovarsi nella sua abitazione di Romanengo, nel cremonese, sottoposto ai domiciliari per tentato omicidio

Per la giustizia avrebbe dovuto trovarsi a casa sua, nel cremonese, ritenuto responsabile di un tentato omicidio: un marocchino di 38 anni, in realtà, si aggirava per le strade di Romano di Lombardia. E' stato arrestato dai Carabinieri con l'accusa di evasione.

I militari lo hanno notato ieri, lunedì 29 maggio, mentre erano impegnati nel pattugliamento del territorio. Naturalmente non potevano sapere chi avevano di fronte. Ma dopo aver giudicato un po' sospetto il suo modo di fare e, soprattutto, considerando che si trovava lungo l'argine del Serio, zona nota quale ritrovo di pusher e dei loro clienti, hanno deciso di fermarlo per un controllo.

In pochi istanti gli uomini dell'Arma hanno così scoperto che l'uomo, a spasso con la fidanzata italiana, era evaso dall'abitazione di Romanengo in provincia di Cremona. Per lui sono scattate nuovamente le manette ai polsi. Ora dovrà rispondere del reato di evasione.