Accordo con la Brembo, Maroni: "L'auto del futuro sarà lombarda"

CURNO - Una firma storica e un progetto ambizioso. Ieri il governatore Roberto Maroni ha partecipato alla sottoscrizione dell'Accordo per la Ricerca e l'Innovazione tra Regione Lombardia e Brembo. Nasceranno motori elettrici di ultimissima generazione

"Quello che firmiamo è un accordo importante, perché guarda al futuro della mobilità, all'auto elettrica. Noi vogliamo investire in questa direzione, affrontando i problemi dell'ambiente e dell'inquinamento, anticipando una tendenza sempre più seguita dalle case automobilistiche. Qui c'è un progetto che ci interessa molto, che vale più di 7 milioni di euro, 4 dei quali mettiamo noi attraverso la nostra legge 'Lombardia è ricerca e innovazione'". Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, a Curno, dove insieme all'assessore all'Università, Ricerca e Open innovation, Luca Del Gobbo, ha partecipato alla sottoscrizione dell'Accordo per la Ricerca e l'Innovazione tra Regione Lombardia e Brembo, azienda leader mondiale nella produzione di sistemi frenanti, in qualità di capofila di un partenariato molto ampio, a cui partecipano, fra gli altri, anche l'Università degli Studi di Bergamo e il Politecnico di Milano.

Il progetto 'Inproves - Integrazione di prodotto e processo per la realizzazione di motori elettrici per veicoli stradali' porterà all'ideazione di prototipi di motori a magneti permanenti brushless a elevatissime prestazioni, non ancora esistenti sul mercato e archetipi di una nuova generazione di motori elettrici per veicoli stradali. Tale progetto è in linea con una delle priorità individuate da Regione Lombardia per i prossimi anni: lo sviluppo di una mobilità sostenibile. La produzione di motori elettrici per auto, nello specifico, avrà un impatto notevole sulla sostenibilità ambientale e sulla riduzione di consumi di carburanti fossili.

Entro fine legislatura, ha ricordato Maroni, "raggiungeremo l'obiettivo di destinare il 3% del pil regionale alla ricerca e all'innovazione, traguardo che ci eravamo dati a inizio mandato. Siamo molto orgogliosi, perché siamo la Regione che investe di più in questi settori".

Conversando con i giornalisti, il governatore ha fatto sapere che con l'assestamento di bilancio ci saranno ulteriori risorse per progetti come quello avviato ieri. "Questi accordi - ha sottolineato - funzionano. Fino ad ora ne abbiamo finanziati 32, ma visto che con l'assestamento di bilancio, grazie alla nostra buona gestione delle risorse pubbliche, abbiamo a disposizione 247 milioni in più rispetto al previsto, una parte potremo utilizzarli anche per rifinanziare questa legge".