Berbenno, arrivano i soldi per i terrazzamenti

BERBENNO - Grazie a economie derivanti dalla Legge Valtellina 1992 la Regione Lombardia ha recuperato 2,2 milioni di euro da investire nei terrazzamenti. Parte di questi fondi, 600 mila euro, saranno spesi sul territorio di Berbenno. Lo annuncia l'assessore regionale Viviana Beccalossi

"Regione Lombardia, sbloccando i finanziamenti destinati alla Valtellina, investe sulla manutenzione e la tutela dei terrazzamenti della provincia di Sondrio. Sono opere che permettono la più estesa viticoltura verticale del mondo e che garantiscono, a questo territorio, un paesaggio unico nel suo genere. Non a caso, tempo fa, fu candidato come Patrimonio dell'umanità dell'Unesco". Lo dichiara l'assessore al Territorio, Urbanistica e Difesa del Suolo di Regione Lombardia Viviana Beccalossi, annunciando la delibera con la quale, nei giorni scorsi, la Giunta regionale ha sbloccato interventi per un valore di 2,2 milioni di euro per il ripristino, la regimazione idraulica e la manutenzione del versante retico terrazzato.

"I fondi - prosegue Viviana Beccalossi – sono stati resi disponibili da economie derivanti dalla Legge Valtellina del 1992 e ci permetteranno di garantire importanti interventi, su proposta della Provincia di Sondrio, in cinque diversi siti". La delibera prevede il finanziamento di cinque opere: il completamento del secondo lotto di lavori a Berbenno (600.000 euro), in zona Sassella (97.800 euro), sul versante in località Ca' Bianca (620.000 euro), il completamento dei lavori in località Selva, a Bianzone (250.000), e l'attivazione dell'intervento sui valgelli a Teglio (127.46 euro). Altri 450.000 euro, già nella disponibilità della Provincia di Sondrio, serviranno per integrare i Fondi di rotazione destinati alla piccola manutenzione dei terrazzamenti a cura dei viticoltori.

"Sui terrazzamenti - conclude Viviana Beccalossi - l'azione di Regione Lombardia non ha solo un valore di difesa del suolo, ma anche di mantenimento di una cultura, quella della “viticoltura eroica”, che è tutt'uno con il paesaggio, la storia e l'economia della Valtellina".